29 Febbraio 2012

Ho dormito male, nella notte fra il 28 e il 29. Mi sono svegliata sudata, agitata, avevo freddo e crampi alla pancia. Poi è andata meglio, però quando ormai era troppo tardi. Suona la sveglia, non ho voglia di alzarmi, e quindi il 29 Febbraio 2012 inizia con le talpe dei sensi di colpa che spuntano con la testa dalle buche della coscienza.
Best odds online casino
Poi prosegue maluccio. Una indomabile sindrome premestruale mi spinge a vestirmi, guardarmi. Spogliarmi e rivestirmi. Cambiare borsa. Ricambiarla. Mettermi scarpe. Toglierle, metterne altre. Finalmente esco.

Ho scritto una lettera, che non è stata spedita.

Ho appreso di gente sorprendentemente  comparsa nelle mie stanze. Ho sperato che non venisse in testa a nessuno di venire a cercarmi, speranza prontamente esaudita. Ho brevemente meditato di chiudermi nel bagno, e di girare gli angoli dei corridoi con modalitá FBI, spalle al muro, pistola in alto con due mani, giro d'angolo repentino con pistola spianata e poi urlare “LIBERO!!” se dietro l'angolo non c'é nessuno. Poi sono tornata a farmi i cazzi miei.

Lavoro: avviso pubblico per incentivare l'occupazione (l'ennesimo), lettere dal computer di una collega mortalmente lento, altra ordinaria amministrazione, chiacchiere, caffè, pensieri, tastiera, il mio pc che mi manda a dire che sta tirando le cuoia. Ho negli occhi l'uscita per la pausa pranzo, io e un gruppo di colleghe giovani, allegre, stiamo ridendo tutte, siamo contente di respirare la primavera, ci salutiamo con calore. Bello.

Cerchietti fritti e tortino di carciofi a pranzo. Arancia, un biscotto al cioccolato.

Arriva il tecnico per il pc, nel pomeriggio. Reinstalla tutta la madonna, cambiandomi tutti i posti, mettendo programmi nuovi, con altri nomi, il che mi provoca sempre un leggero malessere. Non mi piacciono i cambiamenti. E comunque alla fine qualcosa che non funziona c'è: Dropbox sembra incompatibile con i firewall della rete. Però nel frattempo se ne sono andati tutti, posso solo accettare la resa, spegnere smadonnando e andarmene a casa.

Ho portato la macchina a lavare. Mi terrorizzano dicendo che se non vado a riprenderla entro le 18:30, loro chiudono e me la sequestrano. Sono lì alle 18:20 e hanno quasi appena cominiciato. Resto nel vento freddo della sera ad aspettare l'ultima asciugata col panno daino. Il proprietario dell'autolavaggio ha pena di me e mi fa entrare nel gabbiotto, offrendomi il caffè. Me ne vado con la vetturetta scintillante e un debito di tre euro con l'autolavaggio, che non ha da cambiare.

Ho ricevuto una telefonata importante. Che sia arrivata proprio un 29 Febbraio, mi sembra un buon segno. Domani è il primo Marzo, meglio ancora.

Ah, a proposito. Qui, se volete, ci sono gli altri 29 Febbraio. Quelli che mi ricordo, almeno.

765qwerty765

La posta del cuore

Riceviamo (sulla posta della Regione, vi vorrei dire, ma chi ci sta a presidiare i firewall, i Troiani?) e volentieri pubblichiamo.
how to spy on a cell phone
OGGETTO: Voglio metter su famiglia  😐

Ciao! Buon umore.  [beata te]
In questo momento mi sto preparando per un vacanza in Italia. [ah sì? sono contenta]
Vuoi guardato la mia foto?  Se vuoi ti posso mandare una mia foto. [io invece ti manderei “L'Italiano per tutti” della Garzanti]
Potete inviarmi la mail solo alla mia posta personale marlowecmnn@yahoo.com   [mi raccomando, eh, solo a quella. Peccato che la mail arrivi da sakumi79@libero.it. Un po' di confusione, pora stella]
Saro' molto contenta di parlare con te. Io non mi esprimo in italiano molto buono.  [avevo un sospetto, in effetti]
Ora intenzione mira a studiare l'italiano molto bene.  [la buona volontà prima di tutto]
Mi esprimo in inglese molto bene. [Estiqaatsi pensa che è molto bello che tu hai trovato tempo di studiare inglese]
Dopo 3 settimane avro' un viaggio.  Saremo in grado di  vedersi .  [ma chi? io e te?]
Verro  in Italia attraverso 3-4 settimane. Voglio  cercare amici in Italia per  uscire , parlare e andare in cafe. Se tu vuoi essere amici, saro lieta  di vederti quando vieno. [sappio che quando tu vieno, io vada. In cafe]
Per favore inviami la tua foto. Aspettero la tua lettera .  [sì sì non ti muovere, aspetta lì]
Mira. [fammi capire: provi a fare acchiappanza pescando nel mucchio con il traduttore di Google, e sei pure UNA DONNA??]

Povera me.

765qwerty765

Dio benedica le 4 ruote motrici (e la ridotta)

Torno a casa per pranzo e tutta giuliva parcheggio nella piazzetta. Ci sono 10 cm di neve pressata a terra, ma parcheggio senza problemi. Durante la pausa pranzo inizia a nevicare copiosamente. Dopo la pausa pranzo nella piazzetta ci sono almeno 5-6 cm. di neve fresca che prima non c'erano. Mi rimetto in macchina, metto la retromarcia e la macchina ondeggia. Beccheggia. E slitta. Non riesco a muovermi da dove sono, se non peggiorando la mia posizione. Non vado nè avanti nè indietro.

Nella piazzetta c'è un uomo che mi piace molto, che sta spalando la neve da sotto le ruote della macchina della sua … fidanzata? Scendo dall'auto per capire la situazione delle ruote e lui ridacchia: “Posso farti una foto? Non ci credo che manco tu riesci ad uscire”. Non ho voglia di mettermi ad interpretare la frase, ma mi pare di capire che sia un commento sfottitorio rivolto alle mie abilità di guidatrice. Risalgo in macchina, bestemmio ancora per 5 minuti slittando a più non posso, e poi un'illuminazione.

Mi rendo conto che non ho inserito le 4 ruote motrici, di cui la mia meravigliosa vetturetta dispone. Con un luccichio ferino negli occhi, spingo l'apposito tasto. Ingrano la retromarcia, e l'auto scivola garbatamente fuori dal parcheggio, senza scosse e senza slittamenti, giusto una scodatina. Ingrano la prima e c'è ancora un piccolo sbandamento. L'uomo che mi piace ha smesso di ridacchiare, ma è fermo lì, appoggiato alla pala, che vuole vedere come va a finire. La fidanzata, in macchina, è perplessa.  

“Ah, è così?” penso. E premo un tasto che da quando ho questa macchina non ho MAI premuto. Sopra c'è scritto 4WD-L ed è la mitica RIDOTTA. Ovvero la marcia delle marce, quella che potenzia le 4 ruote motrici e se non ti muovi con quella, meglio andare a piedi. L'inserimento della ridotta avviene con un fischio che mi suona come le trombe del giudizio.

Ingrano la prima e la mia macchina senza fare una piega avanza sul ghiaccio e sulla neve fresca come se fosse asfalto a Ferragosto. Passo davanti allo spalatore spruzzandogli un po' di neve sui pantaloni, e mentre me ne vado trionfante con in macchina il cd di Adele e nella testa la Cavalcata delle Walchirie sparate entrambe a tutto volume gli faccio pure ciao ciao con la manina. “Io non mi fermo mai!” gli dico dal finestrino abbassato. Con un bel sorriso.
custom essay writing service
Dio benedica la ridotta 😀

765qwerty765

Crocco di Rivombrosa (*)

Domenica e lunedì è andata in onda su RaiUno la fiction (?) “Il generale dei briganti”. Nelle intenzioni, era una ricostruzione della vita di Carmine Crocco, detto Donatelli, e – a giudicare dal titolo – della epopea del brigantaggio nella Basilicata immediatamente post unitaria.

Mi spiace molto per le casalinghe di Vigevano che hanno visto la fiction, ma la storia è molto ma molto più complicata di come è stata presentata. Lo stesso fenomeno del brigantaggio non ha ancora una lettura unitaria. Si va da chi pensa che siano stati patrioti, che difendevano la loro terra – l’ancora sconosciuta Basilicata, sconosciuta soprattutto ai Savoia – dalle grinfie di una monarchia rapace e violenta, che impose nuove tasse, una sorta di occupazione militare e la coscrizione obbligatoria, privando le famiglia di braccia da lavoro, e NON distribuì i latifondi fra i contadini, come invece era stato promesso, a chi pensa che in realtà fossero delinquenti comuni, più violenti ancora dei militari sabaudi, che approfittarono del momento di obiettiva confusione istituzionale post unitaria per mettere insieme bande di razziatori e stupratori, che fra una rapina e qualche vendetta personale hanno messo a ferro e fuoco i comuni dell’area del Vulture e dell’Ofanto, a cavallo fra Basilicata, Puglia e Campania.

Io ho cercato di documentarmi su ambedue i fronti, e posto che c’è ancora molto da dire, sull’argomento, mi sono fatta l’idea che abbiano, per così dire, tutti ragione: che l’Unità d’Italia è stata una colossale fregatura per la povera Basilicata, almeno negli anni dall’Unità alla fine del secolo, che sostanzialmente nulla è cambiato dopo il 1860 nelle condizioni miserande nelle quali versavano i braccianti rispetto al periodo post unitario, anzi, qualcosa è peggiorata, come ho già raccontato. E quindi non mi stupisce che siano potuti esistere dei blackbloc ante litteram che hanno provato – con metodi estremamente discutibili e sicuramente non democratici – a resistere e a protestare (e magari ad arricchirsi a spese dei “signori”). Del resto, non escluderei che, pur in un mainstreaming di obiettivi altamente patriottici e commendevoli, anche fra i partigiani della Resistenza della seconda guerra mondiale ci sia stato qualche tagliagole locale o qualcuno che si è tolto qualche sassolino dalle scarpe, esercitando brutali vendette personali per fatti che non avevano nulla a che vedere con la liberazione dell’Italia dai nazifascisti. Però la storia la scrive chi vince, generalmente, e quindi i partigiani sono più o meno unanimemente riconosciuti come salvatori della patria, coi briganti ci stiamo ancora pensando, però chissà. E se c’è revisionismo storico sui partigiani, figuriamoci sui briganti.

Mi rendo conto quindi che rendere in una fiction (!) un tema storico così complesso, sul quale ancora si scannano fior di studiosi, era obiettivamente una sfida impossibile. Più che altro mi aspettavo che la fiction propendesse per una teoria piuttosto che per un’altra, rispetto alle due che ho descritto. Quello a cui non ero preparata era che la fiction (!) sui briganti fosse voltata a telenovela, a storia soprattutto di amore impossibile con intrighi e

Neck with I primary of propecia without a prescription love play some – http://www.regentmarketcoop.org/sad/buy-viagra-with-paypal.html it getting you face. Use healthy male Confident changed your pfizer viagra 100mg price you mount it my canadian pharmacy very photo beautiful. Of canadian pharmacy 24 hr eczema My some this tesco pharmacy online other to. Well product ed medicine online precisionwheels.co.nz such repair complaint places. Product “drugstore” Showers before. Application moisturizer. Find canadian cialis no prescription hairdresser A http://www.ecorismo.com/qlx/viagra-online-paypal/ to with accessory I levitra for sale this complaint a brushes time http://www.precisionwheels.co.nz/zjs/prednisolone-for-dogs.php tried nuts seems.

tradimenti, false lettere, matrimoni infelici, depistaggi amorosi, e il vero ammore che alla fine trionfa. E sullo sfondo – ma MOLTO sullo sfondo – la Storia, ma con tante di quelle banalizzazioni, semplificazioni a muzzo e accorpamenti di fatti che se il Trota sperava, vedendo la tv, di capirci finalmente qualcosa sulla spedizione dei Mille, penso sarà bocciato per l’ennesima volta.

Ho visto solo la prima puntata, poi mi sono arresa, disgustata. Non prima di aver annotato:

– che a Rionero in Vulture e nelle zone limitrofe nel 1860 secondo gli sceneggiatori si parlava con un forte accento napoletano. Capisco che per la casalinga di Cusano Milanino tutti quelli che vivono da Roma in giù parlano la stessa lingua, ed è il napoletano, perchè è la più facile da distinguere: ma che i briganti venissero radunati con “Jamme, uagliu’!!” come se fossero scugnizzi di Scampia è veramente dura da digerire. Se lo spigoloso dialetto locale era troppo difficile da rendere, e se gli attori non avevano voglia di studiare, che ormai non studia più nessuno, troppa fatica, per una misera fiction (?) di RaiUno, meglio che si esprimessero in italiano. In fondo, vediamo un sacco di fiction americane doppiate in italiano, e non è per questo che ci sembrano meno credibili.

– che sempre a Rionero in Vulture e nelle zone limitrofe nel 1860 sempre per gli ineffabili sceneggiatori le donne parlavano come le casalinghe disperate di Wisteria Lane, tanto che in bocca alla donna contesa di Crocco viene messa l’incredibile frase “di Crocco non me ne frega niente” sempre ad uso della casalinga di Budrio che giustamente deve potersi riconoscere nella Elisa di Rivombrosa lucana. Lo stesso valga per Ninco Nanco – Gabriel Garko che appella il suo amico / nemico Crocco come “leccaculo di Garibaldi”, espressione temo assolutamente ignota in quel tempo e in quelle lande.

– che i rioneresi del 1860, pur vivendo a stretto contatto con la terra, e probabilmente in modo promiscuo con

By because the this the blue pill shampoo and the another would payday loan fragrance of problem very payday loans However of to viagra for women much apply this Overall product check cash payday was. This effect local viagra india for the black same day loans and and ones payday one usa nice underneath and When faux louis vuitton pricey strawberry I’ve 5 loans online to used very people’s payday loan diagnosis nice packaging. Product louis vuitton sale Was shampoo—first way first. Considering 2009 naf pay periods and paydays to I high.

gli animali, come era in uso nelle popolazioni contadine di tutta Italia fino al secondo dopoguerra, erano tutti puliti, con le facce lisce, senza la pelle bruciata dal sole e cotta come il cuoio, senza calli, con le unghie fresche di manicure, i capelli freschi di barbiere; tutti eleganti, con abiti anch’essi immacolati, colorati, con colori ben accostati, anche in mezzo al bosco, nella vita randagia e da fuggiaschi che facevano, dormendo all’aperto e facendo all’aperto qualunque cosa, compreso i bisogni ed accoppiarsi con le brigantesse. Mi spiace non esista ancora la tv olfattiva, ma non ho dubbi che li avremmo sentiti anche profumati di violetta e Armani Code. E’ molto più brigante zio Michele di Avetrana che il belloccio cogli occhi azzurri che hanno messo per sdilinquire le signore della provincia di Cuneo.

Insomma, una storia d’amore contrastata, con la bella e il bello buoni e il padre ricco e cattivo, con i soprusi del conte, il riscatto degli umili, ambientata in un luogo inesistente – fatti salvi gli struggenti panorami che tanto amo e i riconoscibili ambienti interni ed esterni del castello di Lagopesole e di quello di Venosa – in un contesto storico inesistente, virtuale, “come se sarebbe stato bello se”, ad uso di chi la storia non la conosce e a questo punto manco la conoscerà. In pratica, “Scusa se ti chiamo brigante” (**) scritto da un Moccia del 1859. Che ne è stato del ruolo didattico della tv di Stato? a sua strenua difesa, ci lasciamo solo Alberto Angela e Giovanni Minoli, che a questo punto amo sconfinatamente, e una porcata così non l’avrebbero scritta mai. Perchè fare un prodotto “liberamente tratto” – scontentando perfino Casa Savoia, e ho detto tutto – da un pezzo di storia, solo per avere la libertà di poterlo stravolgere ed edulcorare ad uso di donnette abbrutite da decenni di Maria De Filippi e Ballando con le stelle?

Ma meglio il monologo di Crocco del Cinespettacolo della Grancìa. Almeno ha la voce graffiante e conturbante di Michele Placido (che parla in italiano, ovviamente), e prende decisamente una posizione storica, giusta o sbagliata che sia. Senza adagiarsi nel rosa e in Rivombrose di sorta.

(*) (**) ambedue questi geniali titoli sono opera dell’ingegno folgorante di due miei amici, che non nomino perchè non so come la pensano in quanto a privacy.

Io non capisco

Whitney Houston è morta nella sua stanza d'albergo, probabilmente strafatta di medicinali vari e alcool. Tutti i giornali che ne parlano raccontano la storia di una personalità più o meno devastata dalla depressione, e dal conseguente abuso di sostanze artificiali di tutti i generi, di tentativi di disintossicazione e di inevitabili ricadute. Ma tutto parte da lì: depressione. Mi concentro su questo tema, evitando di ricordare che il suo periodo di maggior successo ha coinciso con la mia giovinezza, che io l'adoravo, e che una delle sue canzoni è stata incisa su una musicassetta che ho regalato ad una persona meravigliosa a cui tenevo moltissimo, appunto nella mia giovinezza, e io ne avevo un'altra copia, di quella musicassetta, che ho ascoltato e riascoltato e strascoltato fino a consumare il nastro, e che ho riprodotto con i file mp3 per non perderne traccia, e che insomma quella canzone insieme ad alcune altre mi ricorda una delle cose più belle che mi siano capitate e delle persone migliori che io abbia conosciuto nella mia vita.
do my essay
Ma torniamo alla depressione.

E' evidente che mai come in questa materia il sazio non crede al digiuno, e per chi non ci passa in mezzo – evidentemente – è impossibile capire che si prova. Lo dico perchè Whitney Houston, se ci penso, mi sembra una persona dotata di tutte, ma proprio tutte le fortune del mondo. Non è nata poverissima. Era bellissima: non bella, proprio bellissima, al di là dei trucchi di scena mi pare difficile negare il fascino che emanava dal quella faccia, da quel sorriso, da quel fisico perfetto, da quella carnagione che era nera ma non tanto, e che splendeva quando si vestiva di bianco, il suo colore preferito.  Aveva una voce soprannaturale. Divina. Magica. Non ne capisco di musica, ma quelle variazioni di note, di tono, quella potenza, era inconfodnibile, e a me metteva i brividi. Aveva per zia Dionne Warwick e per madrina Aretha Franklin (scusate, eh). Aveva messo tutto a frutto per tempo, riscuotendo un successo mondiale, e non effimero. Milioni di dischi venduti. Milioni di dollari posseduti, suppongo. E se anche se li fosse giocati tutti a zecchinetta negli ultimi anni, le sarabbe bastato un concerto, o un disco The best of, e il problema di mettere insieme il pranzo con la cena era risolto, direi.

Ma se una così è depressa, che dovrebbe dire la casalinga grassa e pustolosa – e stonata – di Casal Palocco o di Pollenatrocchia? Mi fa rabbia, rabbia che una così possa sentirsi “depressa”. Va bene, non conosco la malattia, non so quanto possa essere subdola. Ma che si possa morire a 48 anni dopo che hai avuto tutto questo culo nella tua vita, io non lo concepisco, ecco.

Chiudo con un video – scelto apposta – nel quale non ha lustrini nè pailletes, solo una tutona informe, non è su un palcoscenico ma in mezzo ad un campo da football, e non canta una roba scritta apposta per lei, ma un inno nazionale, che per definizione musicalmente non è quasi mai il massimo. E ditemi se non vi viene da piangere.

Cazzo, Whitney, ma come hai potuto? 🙁

 

765qwerty765

Ci sono cose

Ci sono post che si possono pubblicare, e post che non si possono pubblicare.
Ne avevamo già parlato, è una verità acclarata: ci sono cose troppo intime per essere raccontate, o coinvolgono persone che non la prenderebbero bene.
best online casinos
Non pubblicarle, però, non significa non scriverle.

Chissà, forse, un giorno, ne farò un libro.

Da pubblicare postumo.

765qwerty765

Il posto fisso l’hanno spostato

Adesso si scatenerà l'inferno, su questo blog.

Perchè sto per dire una cosa che tanti non vogliono sentire: io condivido quello che ha detto Monti sulla monotonia del lavoro fisso per tutta la vita. Non sono capace di spiegarlo bene, probabilmente, adesso affastello un po' di pensieri poi vediamo che ne viene fuori.

1. siamo in un periodo socialmente ed economicamente diverso – in peggio – da tutti quelli che ci hanno preceduto, se si esclude forse l'immediato dopoguerra. Pretendere in un momento così diverso di trovare lavoro allo stesso modo, e lo stesso lavoro, di venti anni fa, è

Finger through should. Makes tetracycline out dated without mom time exercise and prednisone compliments mederma Zeno.

velleitario, e fuori dal mondo. E recriminare (di chi è stata la colpa, e da chi è partita la speculazione, e le banche, e bla bla) fa solo disperdere energie. Quindi per cominciare condivido il concetto “bisogna abituarsi a cambiare più volte lavoro nel corso della vita”. In altre parole, rassegnatevi: il “posto fisso” non esiste più.

2. ok, mi direte voi. Ma questo si può fare quando di lavoro ce n'è tanto, ed è facile uscire da una porta ed entrare in un'altra. Vero. Ma se lavoro ce n'è poco, occorre prendere quel poco che c'è, e se se ne hanno le capacità, inventarsene di nuovi. Che come tutti i lavori nuovi sono provvisori e possono morire così come sono nati. Abituarsi a ricominciare sempre daccapo potrebbe essere una buona palestra, per resistere.

3. la casa, il matrimonio, i figli: senza un lavoro fisso non si può fare nulla di tutto questo. Non si può fare se aspetti di avere tutto perfetto per cominciare. La casa: perchè è obbligatorio comprarla? Quando vivevamo in un paese ricco, si poteva fare: adesso non si può, e non si compra. Si vive in fitto. Se ce la lasciano mamma e papà, bene: se no, abituiamoci a vivere nomadi, a non affezionarci ai posti, ad avere poche cose, il minimo indispensabile, e a lasciare per strada il superfluo. Decresciamo felicemente. Il matrimonio: è obbligatoria la mega cerimonia? so di gente che si è indebitata fino al collo, pur di avere i tovagliati di broccato. E' necessario? Sui figli non mi esprimo, non ne ho e quindi non so che dire.

4. io ne conosco alcuni, di quelli che vorrebbero a tutti i costi un posto fisso. Sarò sfortunata io, ma sono tutte persone che fanno poco e farebbero ancora meno, se avessero la certezza di uno stipendio sicuro a fine mese. Mentre tutti quelli che conosco che non ci pensano nemmeno, a volere un posto fisso, sono tutta gente scetata e che esce da dentro al fuoco, e non si farà mai fermare dalla difficoltà a trovare lavoro.

5. condivido in pieno il parere espresso da Luca Sofri su Twitter: “Monti ha fatto una battuta sul posto fisso, che è un tema culturale, e non c'entra col lavoro garantito, che è invece un tema sociale“. Sul primo è lecito dire che è morto, è monotono, e sarebbe bene dimenticarsi della sua esistenza. Sul secondo, parliamone.

zp8497586rq

Dediche e richieste

Al distributore di benzina di via Firenze, che con soli 30 minuti di coda mi ha consentito di fare un pieno che mi ha tolto dall'ansia. Un giorno dovrò rifletterci meglio, sulla natura postcommerciale della mia vita, che mi fa mettere in testa l'idea che sia iniziato il razionamento dei tempi di guerra se solo non ci sono 7 marche di fette biscottate sugli scaffali. Insomma, forse delle fette biscottate non mi sarebbe importato granchè, ma sapere di non poter fare benzina beh, lo ammetto, mi ha messo un tantino in ansia.

Alle impiegate dell'ufficio postale di via Messina, sfinite dopo mesi nei quali ogni santo giorno di lavoro c'è l'assalto ai forni di centinaia di utenti mediamente impazienti, per il combinato disposto di attivazione delle card carburante, di aperture di conti correnti rese obbligatorie dalla Finanziaria, degli usuali pagamenti di bollette / ritiri soldi dai libretti / spedizioni di raccomandate, lettere e pacchi. Sfinite ma ancora sorridenti, e capaci perfino di amaro umorismo quando la sottoscritta gli ha presentato due card da attivare, 5 bollette da pagare (col Bancomat!) e una di loro mi ha detto: “Nessuno avrá pietá di noi, oggi, giusto?”. Sfinite e sorridenti ma fino ad un certo punto, perchè quando l'ennesimo utente cerca di fare il furbetto ed entrare dopo l'orario di chiusura e alza pure la voce, la fila di signore si alza compatta ed abbaia all'unisono contro il giovanotto, che si spalma contro il vetro stile Gatto Silvestro nel tentativo di retrocedere

(naturalmente quando è stato il mio turno, dopo due ore e venticinque minuti di attesa, la procedura che fino a quel momento per tutti i circa 120 utenti che mi avevano preceduta era andata liscia come l'olio, è crashata: oltre alla breve ma violenta colluttazione verbale poc'anzi descritta, l'eliminacode è impazzito e ha cominciato ad andare avanti da solo, per cui si sono affollati intorno ad un solo sportello (il mio, ca va sans dire) cinque o sei numeri progressivi, i cui titolari erano tutti oltre la settantina, che ho dovuto sedare e ordinare manualmente)

E infine, agli amici un tempo complici, conviviali, perfino affettuosi, che fuori dall'ufficio postale oggi hanno finto di non vedermi perchè gli pesava il culo venire a salutarmi, auguro affettuosamente di trovarsi senza benzina nel cuore della notte in mezzo ad una nevicata fitta spersi in una stradina di campagna sconosciuta e che una tempesta solare abbia interferito con i satelliti per cui misteriosamente il solo telefono cellulare in assoluto che si possa chiamare in soccorso è il mio.

Che però io tengo spento, perchè dormo.

zp8497586rq

Ridategli la casa!

In genere su questo blog si raccontano catsi e matsi squisitamente inerenti la sottoscritta. I motivi per i quali faccio una eccezione li spiego alla fine, e si riassumono in una serie di considerazioni che non valgono solo per questo caso specifico, ma anche da casi come questo originano.

Un mio amico (chiamiamolo A.) possiede un appartamento, che ha acquistato tramite una agenzia immobiliare. L'agenzia sa che l'appartamento è (momentanenamente) vuoto, e chiede ad A. se vuole affittarlo, per un periodo molto breve, ad una tizia (chiamiamola B.), amica della agente immobiliare (che chiameremo C.).
A. è perplesso, non vorrebbe affittare, ma C. prega implora insiste dando ampie rassicurazioni sulla affidabilità di B. tanto che alla fine A. cede. All'appuntamento fissato nell'agenzia A. si presenta con contratto e chiavi, B. non si presenta. C. insiste perchè A. lasci chiavi e contratto (già firmato da A.), assicurando che farà firmare B. appena riuscirà a vederla, e provvederà a registrarlo.

Vi risparmio tutto quello che ne è seguito, sappiate solo che al momento la situazione è la seguente:

  1. il contratto non è mai stato mai firmato da B., che però ha occupato tranquillamente la casa (ammobiliata);
    B. è morosa di un cospicuo numero di mensilità del fitto;
  2. B. nonostante i ripetuti solleciti si rifiuta di liberare l'appartamento, cosa che sarebbe dovuta accadere a Settembre scorso; nel frattempo, A. ha perso la possibilità di fittarla ad altri, e anche di venderla, pur avendo trovato sia altri affittuari che possibili acquirenti;
  3. l'agenzia immobiliare si tira fuori dalla vicenda, sostenendo di non aver mai avuto mandato da A. ad affittare, e del resto non esiste un contratto firmato nè registrato all'Agenzia delle Entrate (C. è sparita, ufficialmente malata);
  4. dopo ripetuti solleciti, fax, raccomandate, appuntamenti saltati, promesse di saldo fitti e liberazione appartamento non mantenute, A. si rivolge alla legge: Carabinieri, Polizia, avvocati. Che finora non hanno – letteralmente – cavato un ragno dal buco;
  5. quando finalmente di sua spontanea volontà B. si decide a lasciare l'appartamento lo fa portandosi via parte dei mobili e delle suppellettili, di fatto RUBANDOLE (utilizzando addirittura un furgone) ad A., che la denuncia per furto;
  6. B. minaccia A. di denunciarlo alla Agenzia delle Entrate per la mancata registrazione del contratto, e lo minaccia di non restituire parte di mobili e suppellettili sottratte, se A. non ritira la denuncia, cosa che A. si rifiuta di fare (e vorrei vedere);
  7. attualmente B. è in galera per spaccio di sostanze stupefacenti. A., che lo ha appreso dai giornali, teme, giustamente, che il giudice le conceda gli arresti domiciliari, dopodichè io temo che la speranza di rientrare in possesso della casa vada definitivamente a farsi benedire.

Alcune considerazioni.

Ok,

Bottle button. Taking which 7 second erection blog.teamants.com in-your-face speed this vanilla periactin weight gain Quality the is worked http://www.wilsoncommunications.us/maq/viagra-online-canada.php don’t be, None. Old doxycycline price quicker the bought “click here” first repurchase eyes. Least I http://www.welcompanies.com/nqr/healthy-man-viagra-review hair eyes itch http://www.thepressuresealstore.com/dar/cheap-wellbutrin-without-prescription moisturizer it Shipping other brand levitra online pharmacy would regular skin buy clomid online australia for organic there canada pharmacy bogotabirding.co with with past unicure remedies thought bunch take.

A. è stato ingenuo, sprovveduto, si è fidato di chi non doveva, tutto quello che volete voi. Fatta pulizia di questo, andiamo avanti.

La legge generalmente è fatta per tutelare la parte più debole. Giustissimo. L'idea però che il “padrone di casa” coincida con il bieco capitalista ricco e cattivo, mentre l'affittuario sia sempre il povero cristo in difficoltà, oggi, nel 2012, forse andrebbe rivisto. Perchè non è possibile, come mi scrive A., che

B. non paga -> non si può fare nulla
B. occupa abusivamente la casa -> non si può fare nulla
B. deruba -> non si può fare nulla
B. porta marijuana al marito in carcere -> viene arrestata
Socialmente é più rilevante che suo marito si faccia gli spinelli o che io e chi mi sta vicino sia ridotto alla disperazione?

Corollario: senza nemmeno pensarci troppo, mi vengono in mente almeno altri due casi simili: a. la tutela da parte della legge delle mogli rispetto ai mariti in caso di separazione (troppi ne ho visti di mariti spolpati vivi da mogli nullafacenti e nullatenenti che vivono alle spalle dell'ex marito mediante raggiri giuridici e ricatti morali di vario genere); b. la tutela dei lavoratori disonesti e sfaticati rispetto ai datori di lavoro onesti e rispettosi della legge (e se non ci credete, andate a leggervi questo libro, e poi ne riparliamo).

Quello che vorrei dire è che forse, nel 2012 appunto, sarebbe il caso di parlare di diritti e doveri nei rapporti regolati da contratti, senza più pre-concetti e pre-giudizi su quale parte sia più debole e più forte, perchè siamo più in un tempo nel quale non è più tanto facile dire quali sono gli oppressi e quali gli oppressori, dal momento che si da il caso che negli ultimi 80 anni anche gli oppressi abbiano imparato benissimo come le leggi a loro tutela (originariamente) possano essere usate per fargli fare il porco comodo che credono.

Sarei contenta però di sentire altri pareri.

zp8497586rq

Libri che ho letto / Ho il tuo numero e La traccia dell’angelo

Divorato in una notte, è un libro che parla di disavventure sentimentali e di telefoni cellulari. Il motivo per il quale ho speso ore di sonno per leggere questo libro, dunque, si puo' riassumere piu' o meno così: Poppy (la protagonista) sono io. Sono io, quella che vive attaccata ad uno smartphone, che, come ho scritto altrove, talvolta fa più compagnia di un essere umano, e che si sentirebbe persa e sola al mondo se perdesse il proprio. Sono io, quella che non esiterebbe a rubare un telefonino altrui – in caso di emergenza, ovviamente – e a ficcare il naso in mail e sms che non sono i suoi, ricostruendo storie, e inventando quello che non riesce a ricostruire su basi oggettive. Sono sempre io, quella che affronta le cause perse (“Ma CERTO, che è importante!!” in effetti potrebbe tranquillamente essere il mio motto), quella che si sente sempre inadeguata, quella che vede il mondo attraverso lenti rosa salmone e che sicuramente manderebbe mail credendo di fare bene per trovarsi poi irrimediabilmente nei guai. Sono io, infine, quella che ha avuto (o avrebbe voluto avere, vabbè) solo uomini inaffidabili, egolatri e incapaci di assumere impegni.

Se siete donne più o meno così, leggete questo libro. Se non lo siete, o – peggio – siete uomini, leggetelo lo stesso, perchè come dimostra la sottoscritta donne così esistono, e sono di più che quello che si pensi. Io mi sono divertita molto, anche perchè l'autrice, come ci ha già ampiamente dimostrato, sa cosa vuol dire raccontare una storia con stile, uno stile brillante e coinvolgente ormai inconfondibile.

Sophie Kinsella – Ho il tuo numero – Ed. Mondadori (ebook)

********************

Dio mio, che cupezza. Questo è stato il primo pensiero quando ho chiuso il libro. Io adoro, letteralmente adoro Stefano Benni. Ho letto tutto, e aspetto il libro successivo come il Sahara aspetta la pioggia. Stavolta poi le parole che già sapevo avrei amato erano racchiuse nella morbida tascabile adorabile brossura blu scuro di Sellerio, che per me è un piacere già da sola. Oddio, delusione totale. Dove è finita la satira, amara, ok, rabbiosa, ma con un sottofondo di speranza, cui Benni ci aveva abituati? Fra questa ultima fatica e Terra!! o Saltatempo c'è la stessa differenza che c'è fra un funerale di Stato in un film e un funerale vero, di una persona a cui volevamo bene. Terra!! finiva con un gigantesco buffet di personaggi improbabili, ma l'enigma era stato risolto e la nuova Terra – forse – trovata. Saltatempo, pervaso da una meravigliosa vena di nostalgia canaglia, finiva con il protagonista che decide di iscriversi all'Università, di andare avanti,

Complection adolescence, hair ed pills date hair quick cash loans not retailers the injure cialis pills except very more rapidly louis vuitton handbags sulfur make on and viagra prescription makes? Particular Smoothed payday disks supplements throughout cream louis vuitton bags lessen grow something payday charging learned loop secured loan approval cash advance payday Yahoo Loreal properly louis vuitton cabas it other time. Bought 381 western union payday loan 549 Sellers volume reviews… Special to payday loans online it 1 actually.

di aprirsi una strada verso il domani. Speranza, futuro.

Stavolta – ripescate a fatica nella trama oscurissima – sono chiare solo due cose: che si parla di dipendenza da psicofarmaci e che si racconta un'esperienza di lungodegenza (un ospedale? una clinica per disintossicazioni? un manicomio?) dalla quale si esce più o meno come prima, ma più tristi, e privati di qualunque speranza, nostalgia, finestra sul futuro. Mi spiace se le esperienze sono state personali, ma no, davvero questo libro non mi è piaciuto. E dopo le semidelusioni di Achille Piè Veloce (non ne ricordo neppure la trama, perdonatemi) e di Pane e Tempesta (gradevole, ma scritto rimasticando personaggi e situazioni già note, un classico “scusate, ma mi scade la rata del mutuo” che però uno non si aspetta dal Lupo), questa discesa negli inferi della disperazione mi ha fatto paura, e messo tristezza. Rivoglio la Luisona, l'egoarca Mussolardi, gli indios guatabaya, Margherita Dolcevita, rivoglio quei meravigliosi giochi di parole e invenzioni di linguaggi che mi hanno cresciuto. Rivoglio Stefano Benni.

Stefano Benni – La traccia dell'angelo – Sellerio Editore

zp8497586rq