Meritocrazia!

La ferma volontà politica di stabilizzare i precari si estrinseca in due atti, entrambi ufficiali: una delibera di Giunta e una risposta scritta, sempre del Presidente della Giunta, ad una interrogazione consiliare di 4 mesi fa che chiedeva, detta brutalmente, che fine fanno i 13 sfigati esperti di fondi comunitari che vi hanno per lo più salvato le chiappe negli ultimi 4 anni.

Il combinato disposto dei due documenti non lascia adito a troppi dubbi: i 13 sfigati? cazzi loro. Noi faremo un megaconcorsone tanto per salvare la faccia, già piuttosto compromessa, nel quale ci sarà posto per tutti, dal lavoratore socialmente utile con la quinta elementare (sia detto con il massimo del rispetto), passando per quelli pescati nel mazzo dopo attente procedure di comparazione dei curricula, e arrivando a voi, i 13 superesperti che hanno già fatto un concorso per poter essere sfigati proprio titolari, con il timbro “sfigato” scritto in fronte. Che lavoriate in questi sacri uffici da un giorno o da quattro e passa anni, che siate neolaureati o in possesso di dieci anni di esperienza, che abbiate fatto finora fotocopie o abbiate in più occasioni salvato il culo della Pubblica Amministrazione, e di chi la rappresenta, nei confronti dell’Unione Europea, non ce ne pò fregà de meno: siete tutti precari, e tanto ci basta per sputarvi un pò in faccia.

Scusate lo sfogo, ma andate pure a cagare, però.

2 risposte a “Meritocrazia!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.