Robby

A totale spregio di qualunque coerenza, la pubblica amministrazione che fa tante difficoltà per fare un pò di posto stabilizzato a chi bene o male lavora a livelli medio alti per essa da oltre 4 anni, la pubblica amministrazione che si dichiara fermamente contraria a tutte le forme di precariato, ha, nell’ultimo mese, infilato dentro circa 100 tirocinanti.

Al nostro Dipartimento ne sono toccati una ventina, perfettamente riconoscibili perchè molto giovani, perchè si aggirano con aria spaesata nei corridoi, perchè ancora non gli è chiarissimo dove sono e quindi ostentano un disinteresse pressochè totale per il decoro che si deve ad un ufficio pubblico. Ho visto bermuda, ciabatte infradito, camice fuori dai pantaloni, jeans consumati e strappati, capelli incolti e spioventi, barbe lunghe ma non curate. Vabbè, odio fare ‘sti discorsi da vecchia zia, ma io a queste cose un pò ci tengo.

Di essi 20, uno ha trovato precario alloggio nella stanza affianco a quella mia e di Stelvio. Ignoro come si chiami, ci è stato presentato come “avvocato” e l’unica caratteristica fisica che finora mi è rimasta impressa è la panza modello airbag, le braccine corte e una vaga rassomiglianza con Robertino di Troisi. Insomma non gli avrei dato due soldi in mano, fino a che ieri non ho rischiato di essere investita sulle strisce da una Mercedes grigio metallizzata ultimo modello full optional con alla guida, indovinate un pò?  proprio lui, Robertino in persona, che mi strombazza e poi mi fa un vago cenno di saluto con la mano.

Molte domande mi salgono spontanee, che resteranno senza risposta.

Ho evitato di chiedergli come può un precarissimo giovane a 800 euro mensili permettersi una macchina come quella (solo il liquido per detergere i vetri gli costerà mezzo stipendio), per paura che mi rispondesse che gliel’ha regalata zio Vito.

 

Una risposta a “Robby”

  1. MAMMINA!!!! Urlava Robby.
    Mamma Mia, urleremmo noi dopo averci sbattuto il muso!
    Oggi, la vita funziona al contrario. E se cominciassi a camminare con le mani? Forse mi troverei meglio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.