Jingle bell, Jingle bell

Come di consueto nel Dipartimento pubblico che mi ospita le cose più interessanti e valide devono essere pensate scritte validate vidimate e finanziate entro il 22 Dicembre. Peccato che si comincia a pensarle il 21. Gatto Silvestro è in pieno delirio programmatico, e schizza da una stanza ad un’altra imitando alla perfezione il cartone animato dal quale non a caso prende il nick. Io e Stelvio abbiamo la faccia incollata ad un pc da circa 48 ore e i cervelli che ci fumano per lo sforzo di non scrivere stronzate pur in un lasso di tempo così breve. Ringhio, la segretaria di Gatto Silvestro, è passata direttamente all’abbaio e oggi ha inseguito latrando per le scale uno che si era azzardato a dirle che stava bene vestita di rosso natalizio (non è vero, sembra Belfagor, però l’incauto voleva essere carino).

Io sono in pieno spleen natalizio, se non fosse che ancora una volta Alitalia mi ha miracolosamente scodellato a casa la mia adorata sorellina sarebbe veramente uno dei Natali più di merda della mia vita. Sono passati quattro mesi e ancora non mi rassegno, ancora il vuoto che mi è rimasto è lì intatto senza essere stato colmato di una virgola, ancora dopo quattro mesi il dolore è lo stesso se ripenso a un ieri vicinissimo eppure lontano anni luce, a fatti, facce, momenti, abbracci, calore umano, che non c’è più. Desidero con una intensità che mi spaventa poterlo abbracciare, magari una volta sola. Mi pare di essere fatta di vetro, dura fredda e pronta ad andare in frantumi se solo qualcuno urla troppo forte.

9 risposte a “Jingle bell, Jingle bell”

  1. cosa vuoi che siano quattro mesi; ora sei di vetro, presto indurirai fino ad essere di ferro, qualcosa di altrettanto freddo e più indifferente. Non per questo starai meglio, ma è comunque qualcosa. Stai serena, sabri, ché la famiglia è qualcosa che non cederà mai al tempo;

  2. Cerca di stare tranquilla, cerca di uscire il più possibile, visto che c’è anche la tua sorellina, e non alzare nessun tipo di barriera, ché, anche se ci si espone di nuovo, è l’unico modo. Buone feste, circense cara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.