Alla fine di una giornata da ricordare (davvero?)

Una giornata nella quale gli alti e i bassi sono stati così vertiginosi che mi stavo spezzando le gambe.

ALTI:
*  passare un’ora e mezza in quella stanza a far vagare gli occhi
*  il vitello tonnato del pranzo
*  sfogarsi e riuscire a ridere al cellulare con l’amico di sempre
*  sapere che c’è sempre una soluzione
*  un sms della sera.

BASSI:
*  il silenzio umiliato e carico di ansia dopo le notizie apprese
*  il trattamento da carne da cannone a noi riservato dall’amministra-zione presso cui ci onoriamo di prestare la nostra attività lavorativa
*  la tensione e gli scazzi di tutti con tutti
*  C. che sta male e io non posso fare niente.

Ci consoliamo (plurale alla palermitana) scrivendo lunghe lettere che poi non spediamo, e lustrandoci gli occhi su YouTube.
Guardate bene Garou senza il trucco deturpante da Quasimodo e poi abbiate ancora il coraggio di chiedermi perchè ho voluto a tutti i costi studiare il francese.

 

Una risposta a “Alla fine di una giornata da ricordare (davvero?)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.