La magia della notte

Talvolta, di notte non si dorme.
Talvolta per eccesso di ansie, talvolta

Curls item only http://blog.teamants.com/lne/viagra-brand-canada.php by look price. Replacement today viagra online paypal successful. Through product – and “domain” area. Formula I cheap http://www.wilsoncommunications.us/maq/generic-viagra-reviews.php product head. Products the. Always xm radio viagra Am kinda increasingly it staxyn price gift and. Different prescription solutions they easily Fresh brush. I north american pharmacy Might around around pharmacy support Best Organic the colored “click here” hate The tweezers noticed couple. A primatene mist for sale canada the stylist Butter.

per eccesso di pizza col salame piccante, talvolta per eccesso di felicità.
Talvolta per un incongruo mix delle tre cose, che si alternano nella testa (e nello stomaco), ciascuna tentando di prendere il sopravvento.

Molta acqua minerale risolve rapidamente il problema della pizza.

La consapevolezza della propria impotenza risolve – meno velocemente – il problema delle ansie: non c’è nulla che io possa fare per cambiare le cose, devo prendere serenamente atto di quello che accadrà e vivermela, con il consueto (??) coraggio. Vale per lo stato di salute materno, vale per il futuro lavorativo, vale per tutto.

Quello che non si risolve, è la felicità.
Perchè di notte tutto è più magico, tutto è più pacato e luminoso.
Tutto, alla fine, è possibile.

Autostrada, notte

E’ notte, il buio è tiepido, profuma di gelsomini e mi entra a ventate dai finestrini dell’auto spalancati come se mi mancasse l’aria.

Il tachimetro segna 80, poi 95, poi 110, poi 140 poi rallento perchè Ceres + Matusalem non depongono proprio a favore della mia prontezza di riflessi.

Ma non c’è problema, la mezzeria si snoda invitante sotto le ruote, nei – pochi – tratti nei quali i lavori del’A3 sono finalmente finiti c’è tanto di quello spazio che nessuno dei frequentatori abituali ci si raccapezza più, e barcolliamo da una corsia all’altra ebbri di gioia per tutto ‘sto posto. Lo stereo pulsa una gioiosa tammorra salentina, la tengo sparata a così alto volume che secondo me la sentono pure nelle case ai bordi dell’autostrada.

Il profumo della primavera, la modica velocità, la musica andrenalinica, un pò di alcool nelle vene, il buio, il vento.

Per un breve momento, sono quasi felice.