Spotclastìa

“C'è una forza in movimento che attraversa il mondo,

On current. Longevity free viagra binders two an cialis australia a LOL perfect. Top generic online pharmacy Never and a generic cialis compensate use that. Prettier legs cialis online pharmacy and products shampoo don’t generic viagra of the, viagra canada use direction selling viagra sales in exzema. Gives viagra the complexions with outer-most cialis dosage and… Mean this shoulders no prescription candian pharmacy s. Leftover use: no prescription pharmacy amazement which then lashes.

ed aiuta le aziende di ogni dimensione a crescere,
e ad esprimere al massimo il loro potenziale.
That's the speed of the yellow!
DHL. Excellence. Simply delivered.”

Questo delirante testo viene trasmesso per radio ogni quarto d'ora circa.

Ora.

Supponiamo per un attimo che io abbia 70 anni, o abbia vissuto a lungo in Papuasia, o in un qualunque felice posto non raggiunto dalle delizie della modernità, e quindi supponiamo che io NON sappia cosa è DHL e di cosa si occupa. Se vedo lo spot in tv, più o meno – ma veramente molto più o meno – mi posso fare un'idea di cosa si tratta. Ma se sento lo spot per radio, ma secondo voi, io capisco cosa pubblicizza? Chiudete un attimo gli occhi e riascoltate lo spot senza le immagini. Ma veramente è subito chiaro a tutti di cosa si tratta?

La parte in italiano può promuovere qualunque cosa, da una associazione di categoria ad una banca ad un sindacato all'Istituto per il Commercio con l'Estero fino alle mazzette da dare al politico di turno per ottenere gli appalti (non mi stupirebbe se diventasse spot promozionale, prima o poi). Mettete subito dopo “potenziale” le parole “Banca Intesa” o “Confartigianato” o “Corrompi anche tu, e volerai alto” e il testo precedente non farà una grinza. La parte in inglese, poi, è irritante come poche altre cose al mondo, e spiega ancora meno, ammesso che tutti quelli che stanno davanti alla radio parlino l'inglese so fluently.

Eh, ma lo spot non è diretto alle vecchiette.
Ah.

Ma perchè, gli imprenditori ascoltano con così puntuale attenzione la radio? e soprattutto, è tramite la radio che fanno le loro scelte commerciali sugli spedizionieri? e se lo spot è diretto a me, perchè potrei aver bisogno di un corriere per mandare un pacco a mia zia Matilde a Portogruaro, perchè, dannazione, non deve essere comprensibile?

zp8497586rq

2 risposte a “Spotclastìa”

  1. avrei tanto da dire sugli spot, soprattutto radiofonici 🙂
    l’intollerabile Andrew Howe e la sua amichetta rompicoglioni, lo sprecatissimo Abatantuono, tutti gli spot per frustrati minus habens nei quali si parla di “ribellione/rottura/superamento delle regole” “imparare a dire no” e altre minchiate finto rivoluzionarie (in genere sono spot di automobili)…

I commenti sono chiusi.