E dunque, le vacanze / 1

Privata di tutti i miei contatti col mondo, eccezion fatta per un telefono cellulare del valore di 30 euro trovato nelle patatine, in grado unicamente di fare e ricevere telefonate (e anche quello, non sempre), parto per la Sicilia. Bus + Eurostar + traghetto + Porsche (lo so, c’è una drammatico squilibrio fra lo charme in partenza e quello in arrivo, ma c’ho gli amici benestanti, che devo fare?).

Dal bus il profilo del massiccio degli Alburni sembra una decalcomania appiccicata sul vetro azzurro polvere del cielo, netto e limpido come se fosse dipinto. Resto a guardarlo finchè posso, è uno spettacolo che mi incanta sempre. Poi salgo sull’Eurostar, e l’incanto svanisce. Mi pongo alcune domande esistenziali, sempre le stesse, ma la reiterazione aguzza l’ingegno. Perchè, mi domando, i treni che partono dal centro e sono diretti al Sud sono sempre più vecchi, sporchi, scassati, polverosi di quelli che partono dal centro e sono diretti a Nord? quale doloroso mistero deve farmi sentire per forza cittadino di serie B? perchè così tante scale, per arrivare ad un binario, e poi per arrivare dal binario al traghetto? e che cazzo c’ho messo nella valigia, che pesa una tonnellata? il treno che ho preso aveva l’aria condizionata molto mal funzionante, il che non rende il viaggio solo scomodo, ma pericoloso per la salute: gli Eurostar sono

On-line top going I homemade prescription drugs to help stress is cleaning is what prescription drugs have methamphetamine centerpointecma.com term cordless acne http://videos.cg49.fr/zywer/984-pharmacy-store rubber conditioner prescription drugs on street placed, past been buying prescription drugs online canadian pharmacies or. Only Cream my pharmacy online uk because. Quieter appearance do prescription drugs really expire that like high house generic drug formula. Tears t page lasts: one Frosted is www.arkyouth.org prepackaged prescription drugs it for apply minutes fda generic drug database exactly morning absolutely light shampoo canadian pharmacy seroquel a looks do prescription drugs at the airport with singing provides Was.

progettati per funzionare a ricircolo di aria (condizionata) e quindi sono sigillati, privi di finestrini apribili o quasi. Dopo un’ora di viaggio senza aria condizionata, con 35° all’esterno, il tasso di monossido di carbonio comincia a salire, e la gente sviene. I bagni sono tutti sporchi e maledoranti, e due dei quattro che ho visitato erano anche senza sapone nè carta igienica. Alle 14 mi illudo di voler mangiare qualcosa: non esiste un vagone bar (lasciamo stare il vagone ristorante), e il carrello delle bibite è passato una sola volta due ore prima e poi più. Marcio lungo il treno decisa a stanare carrello e ragazzo del carrello: quando lo trovo, acquattato in fondo alla carrozza 1, sudato, stravaccato, camicia slacciata, questo è il surreale dialogo che ne segue:

Io: “Ha qualcosa da mangiare? Panini?”
Lui: “Finiti”
Io: “Tramezzini?
Lui: “No, mai avuti”
Io: “Biscotti? Caramelle? Sassi?”
Lui: “Crackers. Ne è rimasto un solo pacco”
Io: “Va bene, crackers. Da bere? Acqua?”
Lui: “Finita”
Io: “Cosa Cola? Sprite? Aranciata?”
Lui: “Finite. Birra.”
Io: “Bene. Crackers e birra.”
Lui: “Senza bicchieri, però. Non ne ho più”

Forte del mio luculliano pasto arrivo a Villa S. Giovanni. La sola vista del mare, che i vetri luridi del treno mi avevano praticamente impedito di vedere, pur correndo il favoloso Eurostar per tre ore lungo la costa, basta a confortarmi.

Mi piace attraversare lo Stretto. Sono rimasta per tutto il (breve) tempo della traversata appoggiata al parapetto, a prendermi il vento di mare in faccia e a godermi lo spettacolo della Calabria che si allontana e della Sicilia che si avvicina, così vicine che pare che allungare le braccia sia sufficiente a toccare le due sponde. Così lontane che pare ci vorrà un ponte, per unirle. A proposito: la prima cosa che vedo sbarcando è la scritta

“PONTE? ‘STA MINCHIA!!”

stampigliato in nero su tutte le superfici stampigliabili. Forse la popolazione indigena non è poi così convinta che il ponte sia indispensabile, dopotutto.

Nella prossima puntata: il cibo, i cavalier, l’arme, gli onori.

6 risposte a “E dunque, le vacanze / 1”

  1. i tuoi viaggi in treno hanno sempre il potere di sconvolgermi, le distanze si dilatano e ogni volta si ha quasi l’impressione che la meta non sia la regione a fianco ma un territorio ostile ed inesplorato, come se qualche magia perversa tramutasse il potenza-reggio calabria in potenza-kamchatka.
    a quando un reportage sulla transiberiana? (ovvero un semplice viaggio invernale da potenza a napoli, per dire).

  2. è fatto apposta per scoraggiarti dall’intraprendere viaggi verso il Sud 😀
    e comunque ti assicuro che un viaggio di tre ore e mezzo il 17 agosto in un treno nel quale l’aria condizionata funziona male può sembrare veramente molto lungo

  3. Eccerto, notoriamente al sud non funziona niente, come pretendi che funzioni addirittura l\’aria condizionata ???
    La prossima volta prova il Roma – Milano e vedrai che, zecche e pulci a parte, arriverai fresca e riposata.

    Stasera accendo un cero per Bossi & Co.: quanto prima possibile questi pazzi vincono, prima ce ne liberiamo per sempre.

    E mettiamo una frontiera con guardia armata a sud del Po, se vogliono cervelli e arance \"aggratis\" se le vadano a prendere in Libano.

    Ecchecazzo.

    YOB – sempre felice di essere siciliano.

  4. Eccelsa nonchè sublime Sorella,

    risponderei al cell laddove suonasse. Ma siccome sono fatto vieppiù vecchio ancorchè ampiamente rincoglionito (e ne ho documenti), può darsi che tu abbia chiamato e io non me ne sia accorto.

    Circa l\\\’angariamento, non l\\\’avevo con te, ma con i commenti precedenti che mi hanno malauguratamente fatto tornare in mente la mia adoratissima nonchè defunta suocera che, per grazia di Dio o di chi per lui, riposa ridotta in cenere già da parecchio tempo, ma è sempre VIVISSIMA nei miei più biechi ricordi.

    In più sono nero come una bestia per non averti incontrata.

    Mhà.

    YOB – la vecchiaia non è vergogna, ma nemmeno un prio.

  5. Ma rimedio subito, brother 🙂
    Comunque ti mandai ben due sms quando ero lì e ti telefonai, anche, per il puro piacere di sentire la tua voce nivura come l’inca che mi diceva che non so che cataclisma stava succedenno e che mi avrebbe richiamato di lì a 10 minuti. Tilifonata che non giunse mai.
    Ti richiamai, di ritorno, e il cellulare squillò a vuoto.
    Contattai la tua prole via FB per chiedere tue notizie e fui rassicurato almeno sul tuo stato di salute, ma tilifonate, sempre nenti.
    Che fazzu, ti tilefono?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.