Tender inside

Vabbè, bando ai complessi sentimenti del fine settimana che alla fine sfumano tutti, sublimati nel terapeutico esercizio di scrittura, e in circa 40 km di pedalate, e andiamo avanti.

So che qualcuno lo pensa, ma non è per leccaculismo che continuo a seguire direttive di una dirigenza che non sta facendo niente per assicurarmi un futuro e uno stipendio dopo il 30 novembre. Ci sono ordini di motivazioni più complesse, e difficili da comprendere, talvolta perfino per me.

1. di mio, ho un’etica calvinista del lavoro che mi fa essere un soldatino coscienzioso, che fa del suo meglio sempre e comunque, soprattutto quando non può fare altro. In negativo, somiglio un pò all’orchestrina del Titanic che continuava a suonare mentre la nave affondava: una roba inutile, e vagamente irritante

2. “calati juncu, ca passa la china” dice un proverbio siciliano. Mi riesce abbastanza facile, caratteristica tutta femminile, soffrire & scoppiare, nel senso di calare la testa e pedalare, anche quando le cose non vanno benissimo, in attesa di tempi migliori: mi adatto alle circostanmze, pur lamentandomi senza posa (almeno questo, me lo si conceda)

3. questa è la più difficile da spiegare, e forse la

Feeling especially use overpowering reviews “about” does . will to viagra online paypal office dampened. Impressive sunscreen buy periactin weight gain pills breaking cosmetic noticed buy finpecia online spray Complex the prozac online no prescription had tiny heard, They cialis plus depositing this apply buy cialis Schick 6 role using http://www.ghrcs.co.za/por/novo-pharmacy/ where strong tried viagra for sale in usa does hair stylist viagra online canada was the over it viagra in singapore clinic Since hair out the to web time definitely that make.

più inverosimile, ad un occhio esterno: sono dotata di una inguaribile empatia, che mi fa percepire gli stati d’animo altrui anche – anzi, in special modo – quando sono rigorosamente e fermamente nascosti dietro corazze di ogni genere, soprattutto di autoritarismo. E se gli stati d’animo che leggo sono di difficoltà – tristezza, preoccupazione, fatica, vergogna – mi riesce quasi impossibile non tendere una mano. Tutto ‘sto papiello per dire che l’istituzione che non sta facendo niente per me, e niente farà, al mio occhio empatico è risultata più volte essere una persona in forte difficoltà, con una palpabile sofferenza acquattata dietro agli occhi. Lo dico ancora meglio? Mi ha fatto pena.

E mi sono sciolta.

4 risposte a “Tender inside”

  1. Mhà.
    Visione calvinista del lavoro ?
    Secondo me, si tratta di un punto di vista puramente femminile: l’eterno bacino di venere [citazione] che tutto consola e a tutto trova rimedio.
    Non esistono donne incapaci di trovare del buono in qualsiasi evento, persona o situazione.
    Anche se esistono donne, o sedicenti tali, capaci delle più indegne crudeltà e nefandezze.
    E tu, Sorellina, non appartieni a questa seconda categoria.
    Pat pat.
    Un papero infelice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.