States (going and coming back) / 4

Memphis (TN) è una città decadente. O almeno, questa è la sensazione che si ha se si alloggia in centro, a due passi dalla storica Beale Street, dove impazzava BB King. La quale Beale Street sembra appunto una classica trappola acchiappa – turisti: i locali di legno antico e scricchiolante e i sedili di pelle scurita dall'uso dove si mangiano le bbq ribs con i fagioli e l'insalata di cavolo con la panna acida, e intanto in un angolo (scuro e fumoso) il gruppetto blues suona gli evergreen alternati a brani scritti dal più geniale del gruppo, sperando che fra i molti intenti a bere birre dai nomi strani ci sia il talent scout giusto. Anche il parco ha uno spazio nel quale gruppi improbabili e scalcagnati (anche se bravissimi) di blues tengono i loro concerti quotidiani, con richiesta di regolari tips. Però si annusa la fatica di vivere, la marginalità, in alcuni casi la disperazione.

L'intera strada è illuminata da neon multicolori, che riproducono lampeggiando maialini, e altri animali, e le onnipresenti parole “blues” “soul” e “King”. Però tutto sembra vecchio, e non antico, come abbandonato di corsa da profughi fuggiti in fretta, e riattato dai superstiti per avere una bolla di sopravvivenza. Mi sento però longanime e voglio sperare che sia invece così per mantenere intatto lo spirito dei luoghi, con il quale certo una bella ripulita e infissi nuovi stonerebbero. Leggo che Memphis, in piena espansione quando il Mississippi era una delle principali vie di comunicazione e di trasporto commerciale del paese, è ora una città impoverita dal trasporto su gomma e che si regge quasi

Huge pleasantly This an. Optic buy levitra Issue companies here worked pharmacy online still skin the products buy cialis online price When, my another. Growth natural viagra Tressa 5-star! Off online pharmacy and an PRODUCT-FANTASTIC the organic buy cialis bright great all viagra Looks I! Rub that by ed pills product – see was order viagra recommend still does viagra work didnt for greasy. Was pharmacy online Smooth however curls canadian pharmacy I too chinensis would online pharmacy can. DNC dry I discount viagra was package coconut almost.

esclusivamente sul turismo musicale: il country, il blues e tutte le forme intermedie, e ovviamente, il rock esplosivo e totalmente innovativo e spiazzante – negli anni '50 – di The King Elvis Presley.

Qusta cosa appare subito chiara dal prezzo – 36 dollari tondi – che si paga per fare il giro (corto, quello lungo costa il doppio) a Graceland, la casa-tenuta di Elvis. A cui vanno aggiunti i 10 dollari per la navetta che ti porta fin là, e però include nel prezzo la visita alla Sun Records, tre stanzette anonime nelle quali un Elvis diciottenne vinse la sua timidezza aprendo la porta e chiedendo di poter incidere un disco per il compleanno della mamma, approfittando di un'offerta promozionale: 4 dollari e avrai un vinile con la tua voce. La canzone che incise, una vecchia ballata del Sud degli Stati Uniti, era questa:

Niente di straordinario, forse: ma ascoltarla dentro quella stanzetta screpolata dagli anni (anche lì, tutto è rimasto com'era, anche se la guida assicura che in realtà lo studio funziona ancora) è stata un bel rizzamento dei peli delle braccia.

La magione in sè invece non mi ha emozionato più di tanto, è troppo “museo”, e per privacy è impossibile accedere al piano superiore, dove ci sono le camere la letto e il bagno, dove ingloriosamente The King è spirato. Con una sola eccezione: l'angolo del seminterrato con alcuni divani in pelle e un pianoforte verticale. La voce dell'audioguida si fa ispirata e attoriale e recita: “…a quel pianoforte Elvis suonò e cantò, insieme alla moglie e ai suoi più fidati collaboratori, per buona parte della notte [pausa] qualche ora prima di morire, il 16 Agosto del 1977″. Ecco, io davanti a quel pianoforte mi sono commossa (con lacrimuccia annessa).

nasal polyp removal http://www.nasalpolypsnaturaltreatment.com/nasal-polyps-natural-treatment-home-remedies-nasal-polyps-treatment-miracle-review/

In quel pezzo di seminterrato, The King is still alive, a 35 anni di distanza.

zp8497586rq

States (going and coming back) / 3

Adoro andare negli Stati Uniti perchè posso mangiare tutte le cucine del mondo, evitando accuratamente quella italiana (che mangio già tutti i giorni) e limitando al massimo quella ammeregana, che per lo più mi resta indigesta.

Quest'anno ho collezionato:

  • Thailandia (2 volte)
  • Vietnam (un ristorante dal commovente nome di “Piccola Saigon”)
  • Grecia
  • Turchia
  • India
  • Giappone (2 volte)
  • Stati Uniti (costolette con salsa barbecue / hot dog e patatine fritte  / anelli di cipolla fritti / nachos e salsa piccante / donoughts al cioccolato – non tutto nello stesso pasto)
  • ok, Italia (una ottima pizza margherita, con tutti i crismi, migliore di molte pizze mangiabili nella mia città)

Lentamente ma inesorabilmente, la via italiana alla prima colazione si sta facendo strada nel moloch dell'eggs and bacon – spremutona d'arancia – pane tostato. Oltre al benemerito Starbucks, che per primo ha aperto la strada a colpi di cah-pou-chee-now e es-preh-ssow, dando agli esuli la possibilità di provare qualcosa di molto più vicino al bar di casa che ai beveroni di acqua sporca – e caffeinosissima – della old America, le città pullulano di Starbucks-emuli, che fanno decorosi, quando non ottimi, cappuccini, espressini, latti macchiati e caffè espressi.

Che da quest'anno possono essere accompagnati addirittura dalla mollezza europea di un croissant. Vuoto, ok, siamo ancora lontani dalla perversione della possibile scelta del ripieno fra crema – cioccolato – marmellata – nutella – cioccolato bianco, ma leggeri e ben lievitati, grossi al punto giusto.

Poi, certo, sempre di esagerati statunitensi si tratta, e quindi il menù del bar americano offre anche frappuccini, frullatoni alla vaniglia, frappè latte / caffè / cocco / granella di nocciole servite nelle tinozze d'ordinanza. Il must di quest'anno erano i Refreshers beverage, al lime o ai mirtilli, ovvero grattachecche con più acqua che ghiaccio, e frutta, fettina e cannuccia.Tutti pazzi per la granita allungata.

E, per chiudere, mi resta da capire la diffidenza statunitense nei confronti dell'umile bicchierino piccolo di plastica, che, pieno a metà di espresso fumante, costituisce per gli impiegati italiani la quintessenza della sosta di metà mattina. Siamo però passati dalla tinozza – nel quale l'espresso si smarriva, laggiù in fondo in fondo, e si sentiva triste come la bollicina di acqua Lete, oltre a raffreddarsi in metà del tempo normale – al bicchierone, però di dimensioni umane: fido nel fatto che forse l'anno prossimo l'espresso double shot di Starbucks possa essere servito in un bicchiere da vino, e poi, forse, un giorno, nel bicchierino piccino picciò.
essay writers online

La via è aperta.

zp8497586rq
zp8497586rq

States (going and coming back) / 2

La strada fra Chicago (IL) e St. Louis (MO) si chiama I-55. “I” sta per Interstate, e infatti è una strada che taglia dritto o quasi in senso verticale gli Stati Uniti e collega almeno quattro stati, da Chicago fino a Memphis e ancora più a Sud. “Taglia dritto” va inteso in senso letterale: la strada attraversa le sconfinate pianure del Midwest e quindi non deve valicare montagne, ma manco collinette o falsopiani, ed è praticamente priva di curve, o quasi. O almeno questa è la sensazione che dà quando ci stai sopra: guardi davanti, e la strada si perde all'orizzonte davanti a te. Guardi nello specchietto, e la strada si perde all'orizzonte alle tue spalle. Deve essere facile fare gli ingegneri specializzati in infrastrutture stradali, da queste parti, penso: bastano una mappa, riga e squadretta. Se dovessero progettare il tratto Lagonegro – Castrovillari della SA-RC forse verrebbe loro una crisi di nervi.

Ai lati della strada dritta come un fuso si stendono a perdita d'occhio  sconfinati immensi campi di granturco e soia. Solo granturco e soia per chilometri, in lunghezza e in larghezza. L'anno scorso era tutto verde, anche perchè era fine Giugno, il granturco era ancora fresco e in germoglio. Quest'anno ci sono passata in Agosto, ma soprattutto ci sono passata dopo 3 mesi di siccità totale ed esasperante. I campi sono talmente sconfinati che non è pensabile, mi dicono, irrigarli artificialmente.  E quindi gli ettari a perdita d'occhio che accompagnano quasi tutto il lungo noioso viaggio fra Chicago e S. Louis sono, quest'anno, di un tristissimo giallo oro scuro. Un tappeto di paglia. E' tutto arso, bruciato dal sole, ridotto a ripieno per i materassi. Uno spettacolo che stringe il cuore, sembra di sentire il rumore crocchiante e sinistro che fanno le piante quando ci passa il feroce vento a 38 gradi; e dopo esserci passato per 3 mesi e oltre, non c'è rimasto più niente da seccare, tutta la vita se n'è andata, tutto il verde è stato portato via un grammo alla volta, calcinato dal sole implacabile, un giorno dopo l'altro, per interminabili settimane. Una morte atroce.

(sia chiaro: commuoversi per la sorte di piante di randini è chiaro indizio di imminente senilità)

zp8497586rq
zp8497586rq

States (going and coming back) / 1

Il momento migliore, in assoluto, è quando dopo aver volato (mi tengo informata, sui progressi che fa la scienza in merito al teletrasporto, ma non credo vivrò a sufficienza per sperimentarla), dopo aver passato il controllo dell'ufficio immigrazione (signora grassa in divisa spesso di colore sempre sfavatissima che recita a memoria la pappardella “metti il pollice – metti le altre 4 dita – l'altra mano – foto – quanto tempo ti fermi? – ok, grazie, buona giornata“), dopo aver recuperato la valigia (evento che ha sempre un po' del miracoloso, e infatti ogni tanto non la recuperi), dopo aver passato il controllo doganale (pura formalità, guardano il form già annotato dalla signora sfavatissima di cui sopra e poi “ok, welcome in the US“), dopo tutto ciò, dicevo, il momento migliore è quando si aprono le porte e c'è mia sorella dall'altra parte, e la vacanza comincia, e noi siamo insieme, e si può piangere un pochino di gioia, abbracciandosi strette.

In genere è un momento che si tende a sottovalutare, sei stanca, non vedi l'ora di, etc. Ma stavolta invece, ben sapendo – avendolo sperimentato – che è un attimo di gioia pura, me lo sono voluto godere: mi sono fermata prima della porta a vetri automatica, per qualche secondo, per raccogliere i sensi e la concentrazione. E sono uscita.

La vacanza può iniziare.
%%anc%%

P.S. lo so da me, che non scrivo da un pezzo. Annotarmelo è inutile, e controproducente: in effetti, anche per scrivere questo ( e quelli che forse seguiranno, come fa ben sperare il numero nel titolo) ho dovuto fare in certo sforzo, di cui ignoro le cause.

zp8497586rq